Modesto: "Sbagliamo tutti insieme e insieme vinciamo"

“L’amarezza c’è sempre quando si perde ma ormai l’abbiamo smaltita e in settimana abbiamo lavorato pensando al prossimo avversario e a ripartire in casa col piede giusto”. La conferenza stampa del tecnico Francesco Modesto alla vigilia di Cesena-Virtus Verona non può non iniziare dalla sconfitta di cinque giorni fa contro la Vis Pesaro. Per l’allenatore bianconero non tutto è da buttare di quanto fatto domenica: “Salvo comunque la prestazione perché abbiamo portato l’avversario a passare gran parte della gara nella sua metà campo. Dobbiamo continuare a giocare a calcio  ma migliorare negli ultimi metri”.

Un miglioramento da cercare già nella gara contro i veneti: “La Virtus Verona ha calciatori di esperienza, alcuni di categoria superiore: a volte dà la sensazione di stare per cadere ma in realtà non molla mai e per questo va rispettata”.

Il tecnico accetta le critiche arrivate la sconfitta di domenica: “A volte fanno bene perchè fanno crescere e vanno ascoltate per migliorare. E’ vero, ci sono stati errori dei singoli in alcune circostanze ma quelli ci sono ad ogni livello. Non è giusto gettare la croce a un singolo perché io preferisco parlare di errori di squadra che vanno limitati il più possibile. Sbagliamo tutti insieme e insieme vinciamo”.

A proposito di singoli domani il Cesena ha gli uomini contati in difesa alla luce delle assenze di Brunetti, Ricci e Ciofi: “Ho solo tre difensori di ruolo ma anche qualche alternativa, se fosse necessaria, come Giraudo che in mezzo ha già giocato e bene. Più in generale sappiamo che manca qualcosa per completare la rosa ma la società sta lavorando in questa direzione e io ho piena fiducia. Come ho la massima fiducia in quelli che ho a disposizione, senza piangermi addosso. Il mercato così lungo dà fastidio perché può destabilizzare e distogliere l’attenzione dalla gara, ma è un problema che da noi non si pone perché vedo i ragazzi concentrati sul lavoro”.

A partire da domani il Cesena proverà ad invertire il ruolino di marcia che all’andata ha visto il Cesena lasciare tanti punti in casa: “Premesso che bisognerebbe essere nella testa dei calciatori per capirne le ragioni, forse subentra troppa voglia di fare, specie quando l’aspettativa si alza e subentra l’ansia di dover vincere per forza”.